Identità digitale professionale a cosa serve? 

Ad oggi il mercato del lavoro è cambiato.

La differenza più grande rispetto al passato è dovuto principalmente all’avvento immanente del mondo di Internet nella nostra quotidianità.

Infatti,  questo nuovo mondo ci ha dato degli inediti codici di  linguaggio e nuove chiavi di lettura.

Questi nuovi linguaggi ci servono per interpretare e comunicare la realtà in cui viviamo.

Quest’ultima si sta completamente digitalizzando.

Questi nuovi linguaggi hanno sempre più significato e quindi conseguenze dirette, perfino nella vita privata.

Un esempio?

Ti capita mai di litigare con i tuoi amici o con il tuo partner sulla quantità di tempo impiegata per  rispondere ad un messaggio?

Ad esempio sull’applicazione famosa di messaggistica istantanea (con più di 400 milioni utenti) “Whatsapp”.

Dall’avvento della funzionalità che ti permette di riconoscere quando il proprio messaggio viene letto (le famose 3 linette blu), molte persone hanno deciso di togliersi il saluto; oppure quando viene scoperto un tradimento attraverso la geo-localizzazione o delle foto di troppo in circolazione.

E’ indubbio che la correlazione fra mondo reale – mondo virtuale ed identità digitale – identità reale, sta divenendo sempre più diretta ed a volte è addirittura complementare.

Imparare a gestire al meglio anche la propria identità digitale professioanle è diventato un MUST.

L’obiettivo è quello di poter beneficiare di conseguenze positive invece di subirne di negative da parte del mondo digitale e dei suoi strumenti.

Un modo molto utile è quello di utilizzare la propria presenza on line per la ricerca del lavoro.

Quali sono i principali step da eseguire per incominciare a posizionarsi sulla vetrina del web e dei motori di ricerca in modo sufficiente e professionale.

 identità digitale professionale - Facebook

1 Step –Facebook:

ormai lo sappiamo, è stato il primo Social Network che ha fatto parlare di sè in tutto il mondo.

Molte persone lo annoverano come il canale social attraverso il quale puoi ritrovare l’amicizia di vecchia data o il compagno di scuola.

Non tutti considerano però che può essere il primo strumento efficace per poter costruire una propria identità digitale professionale.

Quali sono i motivi?

1) L’indicizzazione nei motori di ricerca: infatti Facebook è il “mondo delle relazioni”. Quando hai bisogno di fare una ricerca su una persona questo canale può essere davvero molto utile.

Infatti scrivendo nome e cognome sui motori di ricerca, per esempio su Google, puoi utilizzarlo per incrociare le informazioni di cui disponi e fare ricerche sugli utenti a volte illuminanti.

Tutti possono farlo perciò occhio alla privacy del vostro profilo.

2) Le molteplici funzionalità: questo social network è stato uno dei primi “laboratori” dove sono state studiate scientificamente le dinamiche con cui i contenuti diventano esponenzialmente virali.

Cosa c’è di  meglio di un passaparola che si allarga tra la tua rete di contatti e l’altra.

3) La possibilità di creare Fan Page, Eventi, Gruppi:

chiusi, segreti e pubblici che siano, possono darti modo di selezionare cosa vuoi comunicare, a chi ed affinare le tue strategie comunicative, skill che ti sarà molto utile nel mondo del lavoro. 

Caratteristica da non sottovalutare, sono le community che frequentano Facebook; da esse puoi imparare cose nuove da persone appassionate come te su tematiche specifiche che vi accomunano.

4) Head Hunters (più del 88%), Aziende Italiane (più del 50%) fruiscono i social network per raccogliere informazioni sui candidati e il primo Social Network che controllano, dopo quelli professionali, potete indovinarlo: Facebook.  

Per questo motivo è fondamentale curare la tua identità digitale professionale su questo media.

 identità digitale professionale twitter2  Step-Twitter

l’uccellino più famoso del mondo, si è dimostrato uno strumento con un uso professionale molto diffuso che riesce a connettere tutto il mondo con tutte le aziende, le personaggi pubblici, i liberi professionisti, i professori, gli studenti, gli specialisti, i personaggi pubblici, i politici, le riviste, le università.

Ciò che si può trovare su Twitter in termini di contenuti e di relazioni professionali potrebbe essere sorprendente se utilizzato come strumento più diretto per stare  in contatto con il proprio mondo professionale e le aziende d’interesse.

Infatti se usato strategicamente può essere utilizzato per cercare e trovare lavoro.

identità digitale professionale -Google Plus3 Step –Google Plus

prima regola fondamentale per partire con il piede giusto quando si parla di identità digitale professionale è quella di avere un account Gmail del tipo “nome.cognome”, “nomecognome”, “cognomenome”, “cognome.nome@gmail.com/it”.

Perchè?

1)  Avere un account  aggiornato con il tempo significa poter comunicare di se stessi che si  aggiornati.

Oggi funziona bene Gmail, ma anche l’account di Google non resterà in vetta per sempre.

Quindi bisogna evitare di usare come riferimento un indirizzo di posta elettronica “vecchio”, vale a dire appoggiato a siti fuori moda o sconosciuti ed aggiornarsi sempre.

2) L’indirizzo email nel mondo del lavoro è importantissimo.

Infatti è uno degli strumenti più indispensabili di cui puoi disporre attualmente.

L’indirizzo email deve essere operativo, affidabile (quindi aggiornato) riconoscibile, memorabile, semplice ed associato alla tua identità digitale professionale.

3) Essere Google-Gmail user vuol dire avere dimestichezza con di tutti i prodotti annessi come Google Plus.

Proprio perchè attualmente i servizi Google sono quelli più adottati all’interno delle aziende per lavorare, sapere utilizzare questi strumenti sarà sicuramente un vantaggio durante la selezione e la propria vita lavorativa.

Quando registriamo un account Gmail in automatico si crea un account Google Plus.                            

Secondo te se cerchi con Google il tuo nome collegato ad un account Gmail- Google Plus quale sarà il posizionamento?.

Sicuramente migliore rispetto a chi non lo possiede.

4) Google Plus ha un’interfaccia grafica distinta e chiara.

Permette di inserire sia informazioni personali che professionali in modo da comunicare la vostra identità in modo semplice ed efficace.

5) Google Plus ha letteralmente rivoluzionato il SEO (Search Engine Optimization).

Essa è la logica  che domina l’indicizzazione dei contenuti sui motori di ricerca.

Per questo può essere uno strumento molto utile nella costruzione della propria identità digitale professionale.

identità digitale professionale - Linkedin4 Step- Linkedin:

E’ il Social Network dell’identità digitale professionale per eccellenza. Infatti è il più frequentato dagli Head Hunters e Selezionatori quando ricercano candidati giusti per le proprie aziende.

Esso permette di inserire una grande quantità di informazioni sulla  propria vita professionale e formativa, sui propri interessi e risultati ottenuti.

Inoltre questo social network gode di un ottimo posizionamento sui motori di ricerca.

Dopo aver attivato il tuo account Linkedin apparirai con altissime probabilità in cima ai risultati della ricerca.

A proposito dell'autore

Co-Founder & Reputation Manager
Google+

Laureato in Comunicazione sono specializzato in Personal Branding e Digital Reputation. Con la passione per il mondo Digital fin dal primo anno di università, ho potuto acquisire esperienza nell'ambito del Marketing, delI' Impresa e Hosptality. Nel tempo libero mi piace praticare Sport, Musica, Innovazione e Tecnologia.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata