Perché devo sforzarmi cosi tanto? Io vado già bene cosi come sono, devo cambiare per forza?

Ognuno può fare le sue scelte, perché è giusto cosi, ma chi si pone queste domande, spesso non si chiede se è giusto o meno vivere nella mediocrità, perché chi si pone queste domande, vive con un livello di vita non eccellente.

Per te che hai aperto questo articolo, se sei arrivato qui un motivo c’è , se stai leggendo questo articolo dimostri di volerti migliorare, hai fatto un’ottima scelta. Una scelta però, implica un’azione, o tante azioni, migliorarsi non è istantaneo, per farlo devi sudare, devi sacrificarti tanto se vuoi arrivare lontano.
A questo punto puoi avere in testa qualcosa che ti impedisce di continuare a  leggere, è il potere negativo dell’abitudine.
Hai un bivio davanti a te, chiudere questo articolo e vivere come sempre, oppure decidere di cambiare e fare ciò che ti farà fare un salto di qualità, decidere di raggiungere qualcosa che ti faccia vivere meglio. A meno che non sei un masochista, o un estremo pigrone, scegliere di rimanere mediocre o raggiungere l’eccellenza è una scelta facilissima.

 

 

Il sacrificio non è qualcosa di negativo, perché con il sacrificio arrivano i risultati, più ti sacrifichi e più avrai risultati.

Se ti sforzi per migliorare un aspetto della tua vita, di conseguenza ne migliorerai altri, perché ti abituerai a superare tutti i limiti che vorrai.
Le barriere che ci sono dentro la tua testa non sono state messe direttamente da te, ma sono state imposte dalla società. Da bambino avrai sognato di volare, ma qualcuno ti ha detto che non potevi farlo, se nessuno te l’avrebbe detto, avresti provato in tutti i modi a volare (Senza alcun mezzo, molto probabilmente non ci saresti mai riuscito), ma come per questo esempio limite, tutte le barriere che hai dentro di te, sono state imposte dalla società. Puoi romperle, scavalcarle, liberarti da queste, ma ci riuscirai soltanto se inizierai a pensare in modo diverso da come ti hanno insegnato, se vuoi puoi fare tutto, basta crederci (e sacrificarsi).

Citando una frase presa dal film Alla ricerca della felicità, che consiglio a tutti quelli che vogliono motivarsi in qualche modo,

 

“ Non permettere a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa. Se hai un sogno tu lo devi proteggere, quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non lo sai fare, se vuoi qualcosa… vai li e inseguila!”

Non c’è una vera guida per capire come fare a migliorarsi, l’unico modo per farlo è quello di crearsi da soli un proprio modo di fare, magari imitando qualcuno .

Leggere le biografie di uomini straordinari che hanno fatto la storia è uno dei tanti modi per capire come pensavano queste persone.

La prossima volta che potrai migliorarti, ma sceglierai di rimanere così come sei, chiediti perché non vuoi farlo, cosa o chi te lo impedisce, chiediti se è meglio perdere qualche giorno, settimana o mese per migliorare la tua vita futura, o è meglio vivere tutta la vita nello stesso modo, chiediti se potrai pentirti in futuro di non aver fatto qualcosa per migliorare. Come ti sentiresti?

Alla fine di ogni giorno può essere molto utile fermarti davanti allo specchio e chiederti se hai fatto qualcosa durante il giorno per migliorare la tua vita, se la risposta è no per troppi giorni di fila, quello è il momento di cambiare!

iTalentJob

 

A proposito dell'autore

Co-Founder and Brand Reputation Manager
Google+

Hi! I am Tommaso, passionate about digital marketing, travelling and reading business books. I graduated in Public Relations and Corporate Communications in Milan in 2013. I worked for 4 months at the Thai-Italian Chamber of Commerce, whilst exploring the amazing and unique Bangkok nightlife and dive into the blue sea of the marvelous Thai islands. Soon after I started my new adventure as a New Business and Marketing Assistant at pi global in the creative hub in Notting Hill. Despite my busy life I love my iTalentJob project, and together with Marco Aurelio we love to inform, motivate and coach young job seekers in order to bring them a step closer to their dream job.

Post correlati

4 Risposte

  1. i5min

    Mi piace molto come articolo, anche se avrei preferito che si parlasse anche di come fare le due cose più importanti e difficili che si anno in ogni percorso di miglioramento: il primo passo, e non arrendersi subito.

    Ad ogni modo hai riassunto molto velocemente il “perché” ci si sacrifica, e già questo non è poco 😉

    Rispondi
    • tommasolucentini

      Grazie per il feedback!
      Se scrivo tutto in un articolo non ho più spazio per fare altri articoli riguardanti lo stesso argomento 😉

      Non mancheranno prossimi articoli in cui parliamo di altro, come quello che hai scritto nel tuo commento!

      Ciao, continua a seguirci 😉

      Rispondi
  2. i5min

    Mi piace molto come articolo, anche se avrei preferito che si parlasse anche di come fare le due cose più importanti e difficili che si anno in ogni percorso di miglioramento: il primo passo, e non arrendersi subito.

    Ad ogni modo hai riassunto molto velocemente il “perché” ci si sacrifica, e già questo non è poco 😉

    Rispondi
    • tommasolucentini

      Grazie per il feedback!
      Se scrivo tutto in un articolo non ho più spazio per fare altri articoli riguardanti lo stesso argomento 😉

      Non mancheranno prossimi articoli in cui parliamo di altro, come quello che hai scritto nel tuo commento!

      Ciao, continua a seguirci 😉

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata